Benvenuto Lobina e la poesia CUADDEDDU CUADDEDDU” di Francesco Casula

 

 

BENVENUTO LOBINA:Il poeta e il romanziere  bilingue che ha nobilitato la lingua sarda.(1914-1993)

Nasce nel Gennaio del 1914 a Villanovatulo (Ca) un villaggio di 1100 abitanti, nel Sarcidano. Nel 1932 è a Cagliari dove lavora alle Poste. Precocissimo poeta in lingua italiana, scopre il Futurismo, che in Sardegna arrivò solo allora. E’ tra i fondatori del gruppo futurista che faceva capo all’architetto Ettore Paccagnini. Le sue poesie in quel tempo vengono pubblicate sulla rivista Futurismo, diretta da Mino Somenzi.

Si arruola volontario in Abissinia. Gli otto anni di vita militare, dalla Guerra d’Etiopia alla Seconda guerra mondiale, rappresentano per lui un periodo di esperienze intense e fondamentali: fra l’altro abbandona il Fascismo. A questo proposito dirà in una lezione tenuta il 17 Dicembre 1990 all’Università di Cagliari: L’Amba Alagi l’hanno presa con i gas, perché quelli sarebbero stati in grado di difendersi rotolando massi dalla cima delle montagne e allora li hanno snidati con l’iprite: vedere questi poveretti ai lati della strada con le carni lacerate dal gas, senza cure, senza niente. Lì ho chiuso con il Fascismo…

Insieme – dirà lui stesso –  quelli furono anni di buio poetico durato fino agli anni cinquanta quando, leggendo le pagine della rivista di letteratura sarda S’Ischiglia, diretta e pubblicata a Cagliari da Angelo Dettori, si convinse che il suo mondo poetico poteva trovare un’espressione più propria e consona nel sardo-campidanese del suo paese, Villanovatulo, di cui scopre le grandi possibilità espressive.

Intanto dopo la guerra si stabilisce a Sassari e continua a lavorare alle Poste. La terza pagina – dedicata alla Cultura – del Quotidiano di Sassari, La Nuova Sardegna, comincia a ospitare le sue poesie. Ma è soprattutto il Premio di Ozieri a fornirgli un riscontro critico oltre che una palestra e un pubblico. Nel 1964 vince tale premio di poesia sarda, il più prestigioso – ancora oggi – in tutta la Sardegna. Da quell’anno ottiene altri premi in manifestazioni nazionali dedicati alle lingue delle minoranze. Molto significativo è il Premio nazionale Città di Lanciano che ottiene nel 1974 con la sua raccolta di poesie Terra,disisperada terra, in cui – scrive Leonardo Sole – dietro una straordinaria semplicità strutturale, nasconde una visione profonda e complessa della natura umana e dà tono epico e sapore di vita al suo dolente racconto di morte .

Nel 1978 vince il premio Rettore Diego Mele di Olzai con la poesia satirica Cuaddeddu, cuaddeddu, (Cavallino, cavallino). Era il periodo della colonizzazione petrolchimica – scrive Salvatore Tola – cui i versi satirici ritmati di Cuaddeddu, cuaddeddu sono dedicati… Benvenuto immaginava che un suo nonno, richiamato in vita da un terribile puzzo di sostanze chimiche decidesse di saltare a cavallo per andare a Cagliari a fare giustizia di tutti coloro che avevano favorito quello scempio economico e umano..

L’opera però che gli ha dato maggiore notorietà è il romanzo in sardo, con traduzione italiana a fronte, – o meglio, come sostiene Nicola Tanda, riscritto in Italiano – Po cantu Biddanoa, (Per quanto Villanova), in due volumi, pubblicato nel 1987.

Lobina stesso ammette di essere stato influenzato, nella scrittura del romanzo, dalla tradizione ispano-americana, ad iniziare da Marquez, Borges, Vargas Llosa, Juan Rulfo. Di questa tradizione inoltre tradurrà direttamente nel suo sardo-campidanese poeti (da Nicolas Guillen a Octavio Paz, a Cesare Vallejo) e narratori (Juan Rulfo, l’autore del capolavoro Pedro Paramo, il suo prosatore preferito che ha modo di conoscere e frequentare).

Nel 1992 verranno pubblicate alcune sue poesie nella silloge Is Canzonis.

Muore il 29 Dicembre del 1993. Nel 2000 vengono pubblicati postumi,  alcuni suoi Racconti bilingui (in Sardo e in Italiano).

 

 

 

CUADDEDDU, CUADDEDDU

Nebodeddu cantatori,

nebodeddu meda abbistu,

ti ddu paghit Gesu Cristu,

in salludi e in liori

 

po mi dd’ai spiegau,

nebodeddu car’ ’nonnu,

poita, apust’ ’e custu sonnu

chi xent’annus è durau,

 

iscidau mind’ad custu

malladittu fragu mallu

chi si furriat su callu

in gennarxu e in austu.

 

I atras cosas a muntonis,

nebodeddu, m’as cantau

chi su coru m’ant’unfrau

su xrobeddu e is callonis.

 

E immoi lassamì stai

no mi neristi pru’ nudda

ma asta a biri ca ’n sa udda

ci ddus appa a fai entrai.

 

I mi bastat su chi sciu,

ma una cosa ti dimandu

donamidda e i minn’andu

bollu su cuaddu miu.

 

Cuaddeddu, cuaddeddu,

curri senz’ ’e ti firmai

ca depeus arrivai

in tres oras a Casteddu.

 

A Casteddu ad pinnigau

gent’ ’i onnia manera:

sa pillandra furistera

su furoni, s’abogau.

 

Pinnigau ad gent’ ’e trassas

spilligambas e dottoris,

deputaus traittoris,

munzennoris e bagassas.

 

I a tottu custa genti

dd’anti posta a comandai

e po paga ant’a pigai

s’arretrangh’ ’e su molenti.

 

Frimadì: Santu Francau,

cuaddeddu, si bid giai.

Su chi seu andendi a fai

non ti dd’appu ancora nau..

 

Scurta: a fai un’abisitta

a is chi anti fattu troga

seu annundu cun sa soga

e i sa leppa in sa berritta.

 

Su chi primu appa a cassai

cun sa bella cambarada,

cuaddeddu, è su chi nada

ca ad donau a traballai

 

a su popullu famiu

in Sarroccu e in Portuturri

e chi si pònidi a curri

faid mort’ ’e pibizziu.

 

Poita ad crup’ ’e cuddu fragu

chi mind’ ad fattu scidai

prima dd’appu a istrumpai

e apustisi ddu cagu.

 

Sigomenti anch’è parenti

de i cuddu imbrollioni

chi ad redusiu a carboni

sa foresta e i su padenti,

 

ci ddu portu a unu logu

pren’ ’e spina, sperrumau

i ddu lassu accappiau

i agoa ddi pongiu fogu.

 

No a’ biu, cuaddeddu,

cantu montis abruxaus,

cantu spina in is cungiaus

a infora de Casteddu?

 

Anti venas i arrius

alluau tottu impari

alluau anti su mari

e is tanas e is nius.

 

Bidda’ mes’abbandonadas

a i’ beccius mesu bius

a su prant’ ’e is pippius

a pobiddas annugiadas.

 

Oh, sa mellu gioventudi

 

 

sprazzinada in mesi mundu

scarescendu ballu tundu

scarescendu su chi fudi.

 

Cuaddeddu, sigomenti

de su dannu chi eu’  biu

e di aturus chi sciu

tenid curpa meda genti,

 

a accantu si pinniganta

i mi bollu accostai

e i ddus appa a ispettai

asta a biri chi no triganta.

 

Ddusu bisi: allepuccius

a ingiri’ ’e sa mesa

faccis prena’ de malesa

omineddus abramius.

 

Ma appenas a bessiri

nd’ant ’e s’enna ’e s’apposentu

donniunu ad essi tentu

e tandu eus a arriri.

 

O su meri chi scurtai

su chi nada unu cuaddu

oi ollidi – e chi faddu

gei m’ada a perdonai –

 

i ddi nau ca cussa genti

pinnigada in su corrazzu

non cumanda d’unu cazzu

 

 

funti conca’ de mollenti.

 

Chi cumandada est’attesu

custus funti srebidoris

mancai sianta dottoris

funti genti senz’ ’e pesu.

 

Fueddendu in cudda cosa

no adi intendiu fustei

nendu “yes” e nendu “okei”

cun sa oxi pibiosa?

 

Bruttu strunzu, arrogh’ ’e merda,

cussa conca in d’unu saccu

illuegu ticci zaccu

ti dda scudu a una perda.

 

De is cosa’ de sa genti,

o cuaddu manniosu,

maccu, zoppu i arrungiosu

no as cumprendiu niente.

 

No as cumprendiu, po nai,

chi su bruttu fragu mallu

chi ddis furriad su callu

ndiddus podisi scidai?

E a candu tottu impari,

meris, predis, srebidoris,

ciacciarronis, traittoris,

ci ddus anta a iscudi a mari?

Su srobeddu dd’asi in brenti

Tprrù, cuaddu, tprrù, mollenti.


 


Traduzione*

CAVALLINO CAVALLINO

Nipotino cantatore,

nipotino molto sveglio,

ti ripaghi Gesù Cristo

in salute e buon raccolti

 

per avermelo spiegato,

nipotino caro al nonno,

perché dopo questo sonno

che durato è per cent’anni

 

a questo m’hai svegliato

maledetto brutto odore

che lo stomaco rivolta

da gennaio a tutto agosto.

 

Ed altre cose tu a iosa,

nipotino, mi hai cantato

che il cuore m’ha gonfiato

il cervello coi coglioni.

 

Ed ora lasciami stare

e non dirmi proprio niente

ma vedrai che in quel posto

li farò di certo entrare.

 

E mi basta ciò che so,

ma una cosa ti domando

dalla al nonno e me ne vado

voglio solo il mio cavallo.

 

Cavallino, cavallino,

corri senza mai fermarti

che dobbiamo noi arrivare

fino a Cagliari in tre ore.

 

 

A Cagliari è radunata

tanta gente, d’ogni risma:

la pigrizia forestiera,

il predone, l’avvocato.

 

Ha raccolto gli imbroglioni

parassiti con dottori

deputati traditori

 

monsignori con puttane.

 

Tutta quanta questa gentaglia

messa l’hanno a comandare

e per paga prenderanno

la gran verga del somaro.

 

Fermati: San Pancrazio,

cavallino, già si vede.

Ciò che vado a fare io

ancora non t’ho detto.

 

Ascolta: a fare una visita

a color che han fatto intrighi

sto andando con una fune

e il coltello nel cappello.

 

Quel che prenderò per primo

con la bella camarilla,

cavallino, è quel che afferma

d’aver dato occupazione

 

ad un popolo affamato

a Sarroch, a Portotorres

e se tenta di scappare

la morte fa della locusta,

 

perché ha colpa dell’odore

che m’ha fatto risvegliare.

Prima a terra io lo butto

e gli cago dopo sopra.

 

E siccome egli è parente

del grandissimo imbroglione

che ha ridotto tutt’a carbone

la foresta con il bosco,

 

lo porto in un certo posto

tutto spine con burroni

e lo lascio ben legato

e gli appicco dopo il fuoco.

 

Non hai visto, cavallino,

quanti monti son bruciati

quante spine nei terreni

di Cagliari poco fuori.

 

Han le vene ed i torrenti

inquinato tutti assieme

inquinato hanno il mare

e le tane con i nidi.

 

I paesi abbandonati

ai vecchi semivivi

al pianto dei bambini

alle mogli rattristate.

 

Oh, la miglior gioventù

 

 

sparpagliata in mezzo mondo

mentre scorda il ballo tondo

scordando ciò che fu.

 

Cavallino, dal momento

del danno che abbiam visto

di tant’altri che so io

ha la colpa molta gente

 

là dove fan riunione

io mi voglio avvicinare

e lì fermo ad aspettare

e vedrai non tarderanno.

 

Li vedi: belli e attillati

tutti intorno ad una tavola

facce piene di malizia

omuncoli insaziabili.

 

Ma appena usciranno

dalla porta della sala

ciascun sarà bruciato

ed allora rideremo.

O padrone, se ascoltare

le parole di un cavallo

oggi vuole – e se sbaglio

mi perdonerà di certo –

 

le dico che quella gente

ch’è rinchiusa in quel recinto

non comanda manco un cazzo

ha la testa d’un somaro.

Chi comanda è ben lontano

sono questi servitori

benché siano dei dottori

sono gente senza peso,

parlando in quella cosa (lingua)

e non ha sentito lei

dicendo “yes”, dicendo “okey”

con la voce lamentosa?

Brutto stronzo, merdaccione,

quella testa dentro un sacco

presto presto scaravento

te la sbatto contro un sasso.

Delle cose della gente,

o cavallo pien di spocchia,

matto, zoppo e pur rognoso

non hai mai capito niente.

Per dir non hai capito

che l’odore puzzolente

che lo stomaco rivolta

li potrebbe anche svegliare?

E quando essi tutti assieme,

padroni, preti ed i servi

ciarlatani e traditori

butteranno tutti a mare?

Il cervello l’hai nel ventre

su, cavallo, su somaro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Benvenuto Lobina e la poesia CUADDEDDU CUADDEDDU” di Francesco Casulaultima modifica: 2015-01-20T11:01:39+01:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento