Cagliari 11-11-2013: Francesco Casula presenta SCURIGAT silloge poetica di Rosanna Podda.

Scurigat, la silloge di Rosanna Podda  raccoglie un corpus poetico di 73 liriche in lingua sarda-campidanese con traduzione in italiano a fronte. Scritte fra il 2004 e il 2012, pur con notevoli fili rossi che tengono insieme in un continuum tutta la raccolta e dove tutto è armoniosamente compaginato, credo di poter individuare dei percorsi tematici differenti, anche se preponderanti risultano quelli più intensamente lirici: l’amore: il terriccio nel quale germoglia la vita; l’intricata trama degli affetti che ci avvolge e che plasma la nostra identità; i sogni reiterati; la magia del paesaggio sardo, la dimensione della memoria e del ricordo, la musica della vita (su sonu de sa vida).

Così vi sono le poesie di forte impegno sociale, di intensa passione etica-politica, con un messaggio però mai insistito né predicatorio. In esse l’anima della poetessa vibra e si innalza, cantando valori alti come la libertà, la fratellanza, la pace, la giustizia, la solidarietà. Per intraprendere rotte nei mari diversi/e difficili…/dell’uguaglianza[me in maris diversus/e traballosus…/de s’uguagliantzia].

 

Penso in modo particolare a Pratza de Maju, con il ricordo delle madri dei desaparecidos che “cercano ancora i figli/mostrando ritratti/di giovani né morti né vivi/”desaparecidos”/da troppo tempo/mamme che insieme condividono/il dolore e la speranza/di poter ridar voce e memoria/o in estremo che abbiano/una tomba dove mettere un fiore/dove piangere i figli perduti/che hanno lasciato un lutto/senza fine; [circant ancora is fillus/amostendi ritratus/de giovunus ni mortus ni bìus/sparèssius de tropu tempus,/mamas ch’impari prètzint/unu disprexeri e una spera/de podi torrai boxi e memoria/i-a magadeba chi tengant/una losa anca ponni unu frori/anca prangi is fillus stramancaus/chi anti lassau unu lutu/chen’e acabu… ]  

Penso a Scideus is bisus (Svegliamo i sogni) in cui Rosanna Podda, in modo accorato invoca, per sé, “Non legate la libertà/delle mie mani/con falsi lacci di seta/che imbavagliano/la verità del cuore ; [Non m’accappieis/sa libertadi de is manus/cun falsu allongius de seda/chi ammutint sa veridade de su coru] .

E per il mondo intero: Non leghiamo noi, il mondo/con corde insanguinate di guerra/e catene roventi di ingiustizia./Salpiamo onde di pace/stendendo vele di distensione; [Non accappiaus su mundu/cun funis insanguentadas/de gherra e cadenas/abbrigadas de ingiustitzia/Pigheus su mari/asub’ ‘e undas de cuncordia/spraxendi velas de apaxiu].

O penso a In custu tempus (In questo tempo), dolente ma deciso e sdegnato canto contro la discriminazione, l’emarginazione e  l’intolleranza nei confronti dei “dannati della terra”, degli “ultimi”, dei più poveri, degli infelici, in qualsiasi modo… [ de is prus poburus/de is desdiciaus/a calisisiat manera…].L’Autrice si pone un interrogativo inquietante e drammatico: chi sono quelli/che durante la notte/hanno di benzina intriso/e dato fuoco a un Cristo/mentre dormiva/coperto di cartoni?[Chini funt cussus/chi, aintr’ ‘e noti/ant de benzina abangiau/e postu fogu a unu Cristu/in s’interis chi dromiat/imbussau de cartocius? ]

Mentre in un’altra poesia S’arrisu intzetau  (Il sorriso intuito) celebra, con tono commosso, la solidarietà, con la volontaria che cura un lebbroso e gli restituisce il sorriso e la vista.

O penso ancora a S’umbra de Cainu (L’ombra di Caino) con la denuncia e la condanna netta e inappellabile della pena di morte (e della guerra) da parte dello Stato, come fatto di civiltà e di alto umanesimo, “de umanidade noa”: che nessuno tocchi Caino [Chi nemus/tocchit a Cainu], esordisce. E continua lo stato…padrone/che a morte/può condannare/anche lui/torna in un giro/senza fine; [Su stadu…meri/chi a morti//podit cundennai/issu e totu torrat/in d’unu giru…/chen’ e acabu]

 

Ma, dicevo, i territori più amati dalla poetessa, senza però alcuna concessione all’autocommiserazione lamentosa e al sentimentalismo languido e svenevole, sono i lidi dolceamari dei sogni e dei tremori, dei turbamenti, dei palpiti (tocus) e degli smarrimenti esistenziali, della rassegnazione (s’acunnotu) e della malinconia, del rimpianto (surrungiu) e della nostalgia, particolarmente intensa in Si fessit ariseru, in cui ricorda, in modo tenero e smagato, la sua fanciullezza con i giochi e i racconti confusi al fuoco del cammino [cun is giogus e is contus cunfundius in su fogu de sa ziminera].

O in Torrant, dedicata al suo paese natale, Serramanna,: Tornano a galla/dal profondo, d’un tratto, qui/afferrate al cuore…oggi,/rimasuglie di pensieri,,,/col via vai dei carri/a trasportare grano e cereali/e tini odorosi di vendemmia [Torrant a pillu di a fundu/de pinnicas di amentus/de suncunas innoi/afracadas a coru…oi/rimasullas de pensus…/cun su manici de is carrus/a tragai trigu i atrus loris/e cubidinas fragosas/de binnenna]

 O quelli più angoscianti e dolenti, dell’affanno e della sofferenza, della tristezza, del vuoto vivere (su bivi buidu), che spesso si accompagnano soprattutto alla solitudine, causata dalla condizione di mortale fragilità.

Scrive in Ita at a essi: Cosa sarà…/adesso, questo pianto/di solitudine…/questo stupore che scuote/e riempie di tristezza/cuore e sentimento./Cosa sarà…/questo vivere vuoto/da sola…/di amarezza e rimpianto/per un delirio sconosciuto/e perso per via[Ita at a essi’…/immoi custu prantu/de soledadi …/custu prantu chi scutullat/e prenit de tristura/coru e sentidu/Ita at a essi?/custu bivi buidu/a sa sola…/de amargura e surrungiu/po unu schissiu inconnotu/e perdiu pe-i bia]

Il sogno è uno dei protagonisti assoluti nella poesia di Rosanna Podda: come nella lirica Bisu (Sogno):Sogno di boschi/oscuri, fogliosi/alla riva di sabbie/a confini orlati/di azzurri lucenti/sotto l’ultimo tramonto[Bisu…de padentis/oscurus follosus/a s’oru de arenas brundas/a lacanas bordadas/di axulus lucenti/asuta ‘e s’urtima/calada de soli]

E con il sogno la dimensione della memoria di giorni perduti/e di notti…/che giocano incerte/trafitte da un domani/che audace si affaccia/sapido di stupori nuovi,[de diis perdias/e de notis…/chi giogant intzertas/infrissias de unu cras/chi atrivìu s’incarat/ sabìdu de spantus nous]

Memoria che è ripercorsa dall’autrice non soltanto con disposizione elegiaca e d’incanto, … ed è volato il tempo…che oggi torna…e ieri m’incantava [e s’est bolau su tempus/chi oi torrat…i ariseru/m’amajàda],ma con sottile consapevolezza culturale, sì che la vicenda narrativa ci si offre insieme nel suo ritmarsi lirico e in un delicato controcanto più che critico coscienziale, che la storicizza nell’istante stesso in cui le si abbandona.

E con la memoria i ricordi (is arremonius) con il ritorno geloso alle immagini di emozioni d’amore (ecisaus de amoris) e di affetti amicali, entro il quale il sentimento si colma e si consuma all’infinito tra sempre nuove nostalgie e sempre nuove rivelazioni e aspettative, come in Neas de abisai (Albe da inventare).

Una poesia, quella di Podda che  oscilla continuamente tra la solitudine infinita e muta (sa soledadi estremada e muda), le ansie (apretus), il dolore e lo sconforto (su dolu e su disisperu), i tormenti (is turmentus), il patire antico (su patiri antigu), il singhiozzo muto ((su sungutu mudu), lo stordimento (su scimingiu), la tristezza (sa tristura), il pianto dolce e lento (su prantu lentu e druci), lo straniamento e il buio denso (su scuriu callau), l’amarezza e il rimpianto (s’amargura e su surrungiu), la paura e il buio (sa timoria e su scuriu), da una parte. Dall’altra una luce che sa di tenerezza e di vita, acchetata in cerca di lidi più tranquilli (calas de riposu) e meno tempestosi, di porti protetti (portus riparaus) dove le stelle in cielo brillano preziose ((is stellus in celu luxint pretziosus). In cerca di un sollievo lento (unu discantzu sullenu) e di serenità (asseliu), verso la porta del sole (conca a s’enna ‘e su soli), in giardini di gioie (in giardinus de gosus), in piena luce (in luxi prena),) per poter gridare: “ci vedo, ci vedo!” (nci biu, nci biu)!

Perché è vero che il buio tarda a dileguarsi (su scuriu trigat a svanessi) ma prima o poi il ritmo seducente e magico del suono e del rumore dolce della vita ritorna (sa cadentza amajadora e fadada de su sonu e de s’arremoriu druci de sa vida torrat…) con attimi di sorrisi (greis de arrisus) e segni e luci (sinnius e luxis) che ci indicano l’aria di rosa che albeggia a nuovo giorno (s’airi…di arrosa/chi obrescit a dì noa) e dunque sentieri d’amore e infinità di cielo (moris di amori e téntas de xelu). E distese azzurre senza confini (tentas de asulu chen’ ‘e lacanas). Per giungere salvo in porto col cuore più leggero (po  giungi salvu in portu, a coru discantzau). Per andare verso il sole (po movi’ faci a soli…)

Per tessere giorno per giorno/ con filo d’oro lucente/trama a trama…/la tela preziosa della vita (po tessi’ dì po dì, a fil’e oru luxenti /trama a trama…/sa tela pretziosa de sa vida). perché rifioriscano nel mondo,  sogni e primavere nuove… (po chi torrint a frorì ’n su mundu/bisus e beranus nous…). Quando ritornerà, dolce e carezzevole, l’alito amato (druci e carinniosu, su sùlidu amau).

   Non si addice infatti il pianto dirotto e tanto meno la disperazione a chi comunque crede nei valori della vita e non dimette la speranza di un diverso avvenire quando troveremo cale tranquille/inventando porti protetti,/dove gente saggia/in tempi avari di pace/possa alleggerire…/ali di speranza[Eus agatai calas de reposu/abbisendi portus iparaus/anca genti assentada,/in tempus asurius de paxi,/potzat alliggerai…/alas de sperantzia].

L’antinomia però non è superata, il conflitto non è risolto e il mistero non è disvelato, almeno totalmente: nelle liriche della poetessa infatti non vi è alcuna risposta totale alla drammatica condizione di inettitudine, di limitazione, di anomia, di inidentità della condizione umana, che continua a pascersi di ricordi illusioni e sogni, di brividi antichi (strioris antigas), di silenzi attese e speranze di sollievo (abetus e speras de discantzu). Per aspettare che la notte, nel silenzio nascosto, confonda la notte  che brama l’oblio [po abetai chi sa noti/in su mudori cuadinu/mi scimingit su sentidu/chi bramat di olvidai]

Ma tutto rimane senza un perché definitivo e definitorio. Non credo comunque che ciò sia un limite: il poeta scrive anche se nulla è certo. Il grande poeta italiano Franco Fortini ha persino scritto che la poesia non cambia nulla.

 

Ma è proprio così? Io credo di no. Io credo che la poesia – come la letteratura in genere segnatamente quella in cui è forte e intensa la dimensione etico-sociale, dell’engagement, – direbbe il filosofo francese, Emmanuel Mounier, teorico del personalismo cristiano –, sia una  una difesa contro le offese della vita (Cesare Pavese); faccia  l’uomo libero (Ludwig Andreas Feuerbach) ma soprattutto miri a vendicare i vinti (Shakespeare), ma non convinti aggiungerebbe il nostro più grande poeta etnico, Cicitu Masala, vinti che sono i simboli dell’umana liberazione ha scritto Elio Vittorini. E comunque rappresenti una catarsi e una liberazione: soprattutto per chi la scrive, ma anche per chi la legge e ne fruisce.

 

A questo punto il lettore potrebbe chiedersi: si tratta di poesie autobiografiche? Puntare semplicemente sulla biografia e sul  vissuto storico del poeta significa, a mio parere, ignorare la fictio presente in ogni discorso letterario: ciò non significa non tenerli in debito conto.

Ma la poesia di Rosanna Podda, pur non staccata dall’attrito della storia e pur nutrendosi di dati personali, pur intridendosi delle sue esperienze di vita, anzi, di attimi…roventi di vita (de greis …abrigaus de vida), pur esprimendo la storia dell’anima (s’istoria de s’anima) non si limita però a rappresentarle e per così dire a filmarle, le esperienze:  ma le vela e le fascia. Travestendole allegoricamente e assegnando loro i segni di una condizione umana più universale, trasformando sentimenti ed emozioni in una occasione di epifania rispetto alla pura realtà, scarnificando e ottundendo la condizione storica precisa ed evaporando la dimensione temporale e spaziale.

Così gli stessi paesaggi e la stessa natura, indubitabilmente sarda, con i graniti roventi (is granidus arridaus): con i castagni e le antiche quercie, (is castangius e ilixis antigus);  con boschi oscuri e fogliosi (is padentis oscurus e follosus): con cale erose, bianche/lambite da preziose/acque di cristallo (cun  calas smenguadas/biancas,sciustas/de acuas cristallinas/pretziosas ); vengono sfumati. E comunque la poetessa non slitta nel compiacimento idillico fine a se stesso, di una troppo realistica felicità di “quadretti alla fiamminga”.

 

E l’Isola … odorosa/di mirto ginepro e cisto/gialla di fiori d’oro e di ginestre (s’Isula…fragosa de murta/tzinnibiri e murdegu/groga ‘e oru de tiria e caragànzu/arrubia ‘e bababois de seda); l’Isola, questa terra circondata di mare/fasciata e domata dai venti/che scuotono foglie e sentimenti (custa terra ingiriada de mari/fascada i amasedada de bentus/chi scutullant follas e sentidus); come i cangianti nitori atmosferici, con gli arcobaleni (circhiollas in colori) o con il vento che accarezza a spire leggere e dolci (su bentu chi caritziat a speras ligeras e druci ); o ancora con il sole/ che incrina e screpola/con raggi di fuoco/l’anima…inaridendo/ogni dolcezza (su soli/chi scannit e tzacat/cun rajus de fogu/s’anima…arridendi/donnia druciori…), sono momenti di un paesaggio e di una geografia, nel loro valore simbolico universale e intensamente allusivo.

 

Tutte le poesie di questa silloge, sono state ultra premiate in numerosissimi Concorsi letterari: una, Scurigat, proprio recentemente, il 29 settembre scorso, ha ottenuto il premio speciale “Tonino Ledda” nel più prestigioso Premio di Letteratura sarda, quello di Ozieri. A dimostrazione che ci troviamo di fronte a una poetessa di gran vaglia. Di fronte a delle liriche di qualità; frutto certo di personale valentia poetica ma anche di un lungo tirocinio tecnico- stilistico e di esercitazione scrittoria in cui ha sottoposto la sua poesia a un processo di affinamento e di alleggerimento, per così dire a un duro sforzo ascensionale.

 

A dominare, nella poesia di Rosanna Podda è la parola, cui dedica persino due singole liriche: Is fueddus e Paraulas. E non a caso. Mentre infatti nella prosa devi possedere bene ciò di cui vuoi parlare e poi troverai le parole adatte: rem tene verba sequentur; per la poesia accade tutto l’opposto, prima t’innamori delle parole, e il resto verrà da sé: verba tene res sequentur: due apoftegmi che ben esprimono l’antica saggezza dei latini..

 

Ma ogni parola, ogni vocabolo contiene un deposito di storie. Non si tratta infatti di flatus vocis, di pura forma, ridotta a orpello o decorazione, a musica o immagine ridondante, semplice prodotto estetico o luccicore sontuoso. E’ invece lingua e forma come strumento alto per cantare – spesso in modo dolente – la storia, propria e degli altri.

Le parole sono infatti conchiglie: che sembrano vuote ma dentro ci puoi sentire il mare. E con le parole fanno ressa nel circuito compositivo, silenzi e pause, cromatismi, ossimori e sinestesie, contrazioni sintattiche, brachilogie e metafore: queste ultime, abbondantissime. Ma soprattutto a dominare è la musicalità: con l’uso sorvegliato dei suoni e dei ritmi, delle onomatopee e delle assonanze. Con una naturale attitudine al verso, che sembra carezzare e coccolare e che nelle liriche più belle, l’Autrice tesse abilmente, tanto che la sua scrittura si risolve spesso nel terso nitore della parola, nel giro musicale della frase, nella misura metrica di ritmi sapientemente scanditi e guidati da un attento orecchio musicale. Che riesce a ordire, con acuta selezione di lessemi, aggettivi e fonemi, fini ricami di immagini potenti e di metafore ardite. Eccone alcune, proprio nella lirica Is Fueddus (le parole): sono da tener d’occhio/le parole…/a laccio corto/senza spreco/per non fare danni…/e a fune lunga/per confortare/e carezzare cuori/trovando sentieri…/mettendo toppe/e rammendi…dolci/a sentimenti bucati [Funti ‘e tenni di ogu/is fueddus…trobius/a corrìa crutza/chen’ ‘e sperditziu/po no fai arroris…/i-a funi longa/po cunfortai/e caritziai corus/agatendu moris…/ponendo tzàpulus/i aconcius…drucis/a sentidus trapaus].

 

Le poesie sono scritte in lingua sarda (con le traduzioni in italiano a fronte, alcune veramente eccellenti): la nostra lingua materna o ancestrale ((nel senso internazionale della parola: langues des ancêtres). Il dantesco “parlar materno”. Quella lingua che è soprattutto senso, suoni, musica. Lingua di vocali. Dunque corporale e fisica e insieme aerea, leggera e impalpabile. E le vocali sono per il poeta l’anima della lingua, sono il nesso fra la lingua e il canto; fra la poesia, i numeri della musica, il ritmo e il ballo.

Tanto che, storicamente, i confini fra poesia e musica e danza, sono sempre stati labili e sfumati a tal punto che gli antichi poeti – gli aedi greci per esempio – non scrivevano poesie ma le cantavano, accompagnandosi con la lira: non a caso nasce il termine “lirica” e aoidòs in greco significa “cantore”.

Ma “cantano” anche Dante e Petrarca, Ariosto e Tasso e Leopardi. E i “cantadores” sardi, soprattutto gli improvvisatori.  

Essi – come Rossana Podda – cantano con quella lingua materna che nel contempo con la sua magia evoca e penetra, il mistero dell’anima e riassume la fisionomia, il timbro, l’energia inventiva, la cultura, la civiltà peculiare del nostro popolo. Una lingua – il Sardo – che è insieme memoria e universo di saperi e di suoni. Che sottende – talvolta in modo nascosto e subliminale – senso e insieme oltresenso, musica, ritmo e ballo. Segnatamente il ballo tondo: momento magico in cui l’intera comunità, tot’umpare, si pesat a ballare, si muove in cerchio. E con questo esprime una molteplicità di segni, significati, simboli e riti.

 

Quella lingua che è soprattutto espressione della nostra civiltà e della nostra storia dunque ma nel contempo, strumento per difendere e sviluppare la nostra identità e la nostra coscienza di popolo e di nazione. Una lingua, i cui lemmi che la compongono, infatti, prima di essere un suono sono stati oggetti, oggetti che hanno creato una civiltà, oggetti che hanno creato storia, lavoro, tradizioni, letteratura, cultura. E la cultura è data dal battesimo dell’oggetto.

Quella lingua che è ancora libera, vera, indipendente, ricca: istinto e fantasia, passione e sentimento. A fronte delle lingue imperiali, vieppiù fredde, commerciali e burocratiche, vieppiù liquide e gergali,invertebrate e povere, al limite dell’afasia: certo indossano cravatta e livrea ma rischiano di essere solo dei manichini.

Quella lingua che è soprattutto valore simbolico di autocoscienza storica e di forza unificante, il segno più evidente dell’appartenenza e delle radici che dominatori di ogni risma e zenia hanno cercato di recidere.

Ma nessun ripiegamento nostalgico o risentito verso il passato: ma il passato sepolto, nascosto, rimosso, censurato e falsificato, si tratta prima di tutto di ricostruirlo, di dissotterrarlo, di conoscerlo e in qualche modo, anche di inverarlo, perché diventi fatto nuovo che interroga l’esperienza del tempo attuale, per affrontare il presente nella sua drammatica attualità, per definire un orizzonte di senso, per situarci e per abitare, aperti al suo respiro, il mondo, lottando contro il tempo della dimenticanza e della smemoratezza.

 

L’uomo contemporaneo, soprattutto nell’epoca della globalizzazione economica, della comunicazione planetaria in tempo reale e di Internet non può vivere senza una sua dimensione specifica, senza “radici”, sia per ragioni psico-pedagogiche (un punto di riferimento certo dà sicurezza, consapevolezza di sé e fiducia nel proprio futuro) sia per motivi di ordine culturale. La comprensione del nuovo è sempre legata alla conoscenza critica della storia della società in cui si vive, alle tecniche di produzione, al senso comune, alle tradizioni, alla propria lingua.

E’ questo l’antidoto più efficace contro la sub-cultura televisiva e à la page, circuitata ad arte da certa comunicazione mass-mediale, che riduce la tradizione a folclore e spettacolo, a merce, ad uso e consumo dei turisti. Altrimenti prevalgono solo processi di acculturazione imposti dal “centro”, dalle grandi metropoli, dai poteri forti, arroganti ed egemonici che riducono le peculiarità etniche e linguistiche a espressione retorica, pura mastrucca, flatus vocis. Occorre però concepire e tutelare lo “specifico individuale e collettivo” non come dicotomia ma in connessione con il generale, vivendo l’identità sarda con dignità e orgoglio ma senza attribuirgli un significato ideologico o di mito; identità non come dato statico e definitivo ma relativo, fluido e dinamico, da conquistare-riconquistare, costruire-ricostruire, dialetticamente, adattandolo e  

sviluppandolo, quasi giorno per giorno.

Occorre infatti leggere e interpretare l’Identità non con le lenti logore di un’ideologia passatista, ma con un restyling concettuale nuovo e complesso che rifiuta e oltrepassa una improbabile visione museale. Ovvero un’impostazione che riproponga un cliché che la riduce a semplice recupero acritico del passato e delle sue tradizioni o del suo folclore; o a un attributo eterno e immutabile. Provocatoriamente sosterrei anzi che la visione puramente etnografica dell’identità, certifica la morte dell’identità stessa.

L’attaccamento alla civiltà “primigenia”, in quanto realizza un continuum fra passato e presente, dà maggiore apertura al mondo grande e terribile (di cui parlava Gramsci) e sicurezza per il futuro. In questa continuità- simbiosi fra antico- moderno e post- industriale post- moderno, in cui la positività della Sardegna s’innesta nella positività mediterranea ed europea, consiste il significato profondo dell’Identità e dell’Etnia che da un lato ci libera dalle frustrazioni, dalla chiusura mentale e dal complesso dell’insularità; dall’altro ci salvaguarda dai processi imperialistici di acculturazione, distruttivi dell’autenticità delle minoranze e dal soffocamento operato dalla camicia di nesso degli interessi economico- finanziari.

Soprattutto i giovani devono sapere di appartenere a una peculiare storia e a una peculiare civiltà e di ereditare un patrimonio culturale, linguistico artistico e musicale, ricco di risorse da elaborare e confrontare con esperienze e proposte di un mondo più vasto e complesso. In cui, partendo da radici sicure e dotati di robuste ali, possano volare alti, i giovani e non solo.

 

 

Conclusione

La poesia di Rosanna Podda è introspezione psicologica, respiro e voce dell’anima, che amalgama parole piene di sentimento (boxi de s’anima,chi cumpossat fueddus, prenos de sentudu)). E’ fatta di momenti sofferti e altri goduti (momentus sunfrius i atrus gosaus), con cui punta dritto al cuore delle cose, delle passioni umane e dei drammi coscienziali e planetari. E’ esperienza segreta e segregata, spesso difficile da leggere e da capire, che esige uno scuotimento di tutto il proprio sapere, un farsi esile e inerme, un ridursi alla nervatura della foglia. Per questo è sempre da leggere e rileggere. Soffermandosi. Non si tratta di “aguzzare la vista”, ma di lasciarla vivere, la sua poesia intendo, nel proprio sguardo. D’altronde la poesia è uno specchio ustorio e, prima di fissarla negli occhi, bisogna pensarci due volte. Bisogna fermarsi su ogni singola parola, immagine, metafora. Frequentarla a lungo, farsela amica, riempirla di domande, attenderla con trepidazione. Abitarla. Vivere emozioni. Per poterla godere. Oltre che capirla.

Francesco Casula

 

Cagliari 11-11-2013: Francesco Casula presenta SCURIGAT silloge poetica di Rosanna Podda.ultima modifica: 2013-11-08T18:44:00+01:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento