La 2° Festa degli Shardana a Laconi il 23-24-25 Giugno

Insieme a Melis

per studiare

gli Shardana

di Francesco Casula

Come Sardi abbiamo una storia appena sussurrata. Qualche volta falsificata: dai cantori di cesare, veri e propri pifferai. Spesso manomessa: dagli storici invasati di italo/euro centrismo. O esterofili. Basti pensare alla feniciomania. Una storia, ancor più spesso omessa e cancellata. Censurata e taciuta. Nascosta e interrata. Basti pensare a tutta la vicenda dei Popoli del mare: su cui la storia ufficiale sembra aver posto il veto. Tanto che nei libri scolastici non si fa neppure un cenno. Fortunatamente abbiamo avuto il coraggio di studiosi – fuori e, spesso, contro l’Accademia – che hanno fatto ricerca, per dissotterrare la storia dei nostri Shardana e dei Popoli del Mare. Voglio ricordare in modo particolare Leonardo Melis il cui primo libro intitolato non a caso “Shardana-I popoli del mare” (2002), esaurita la prima edizione in un mese, conta oggi ben 10 edizioni e alcune pubblicazioni all’Estero. A significare la validità dell’opera e l’interesse del pubblico. Segnatamente uno è stato l’obiettivo di Melis: ridare ai Popoli che dominarono il mediterraneo nel II millennio a.C.  la loro dignità e verità storica, quei Popoli che oggi vivono  soggiogati da altri Stati. Quei popoli – secondo Melis – che si insediarono in Europa arrivando dalla Mesopotamia e dall’Anatolia intorno al 2000 a.C. Gli stessi che invasero l’Oriente nel 1200 a.C. facendo crollare  l’arroganza dei Principi di Micene, di Ugarit , di Hattusa… di Troia. Assalendo l’Egitto di Ramesse III: popoli che cambiarono la geografia del Mondo Antico, dell’Età del Bronzo. All’interno di questi popoli vi sono gli Shardana, – ben conosciuti dai Faraoni e dai loro contemporanei – che salvarono Ramesse II a Qadesh dall’attacco degli Ittiti. Il faraone riconoscente li fece effigiare nelle pareti dei templi di Luxor, Abu Simbel e nel Ramesseum. La ricerca di Melis, iniziata ben 35 anni fa, continua. Anche in giro per il mondo: dall’Egitto alla Spagna, dalla Francia all’Inghilterra, all’Italia. Consultando Testi antichi e visitando Siti e Musei. E continua la sua opera di divulgazione in Sardegna. Anche a tal fine ha promosso per il 23-24-25 Giugno prossimi, a Laconi  la 2° Festa Shardana – dopo il successo dell’anno scorso – con una tavola rotonda, un Premio letterario sui “Popoli del mare”  e un’ escursione guidata nei siti archeologici del territorio.

Pubblicato su SARDEGNA Quotidiano del 21-6-2012

La 2° Festa degli Shardana a Laconi il 23-24-25 Giugnoultima modifica: 2012-06-21T08:09:14+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento