La proposta della Confederazione sindacale sarda (CSS)

UN PASS GRATIS

PER I PARCHEGGI

DEL BROTZU

di Francesco Casula

Dopo il danno (con la sfortuna della malattia) la beffa: una odiosa e assurda gabella. Non può essere catalogata diversamente la vicenda paradossale e incredibile dei parcheggi a pagamento da parte dei  parenti dei ricoverati e dei numerosissimi utenti che ogni giorno si recano all’Ospedale Brotzu per cure,  analisi e visite. A niente sono valse – almeno fin’ora – le giuste e sacrosante proteste, pacifiche ma ferme e decise, guidate dal Presidio di Piazzale Trento, che ha denunciato questa nuova speculazione ai danni delle fasce sociali più deboli. Con loro la Federconsumatori, secondo cui la gara per la gestione di 1500 parcheggi all’esterno dell’ospedale comporterà anche una trasformazione della viabilità intorno alla via Peretti. La società che gestirà questo spazio a pagamento è la Aj mobilità, un’azienda di Spoleto che già controlla aree di parcheggio in tutta la penisola e che garantirà un introito all’ospedale pari al 18,42% sui ricavi: un bel malloppo a carico di malati o dei loro parenti e familiari. I ricavi saranno anche garantiti dalla rivoluzione dell’area che comprenderà anche un sistema di lavaggio auto, bar, ristorante, fioraio: un business con molti zeri che sarà pagato come al solito dai soggetti più sfortunati e poveri. Ma c’è più:  gli stessi dipendenti del Brotzu – scrive la Confederazione sindacale sarda (CSS) –  si lamentano anche se è stato loro concesso un pass dietro pagamento di 10 euro; protestano i tassisti a cui è stata chiesta una cauzione di 27 euro per il libero accesso e pagano il ticket le ambulanze delle associazioni del volontariato e gli stessi carri funebri. Questa situazione era già insostenibile, ma ciò che ha acceso la protesta è la recinzione dell’area parcheggio antistante l’Ospedale lato via Peretti, a cui ora si può accedere solo a pagamento. L’Assessorato Ambiente e Urbanistica del Comune di Cagliari ad aprile ha emesso una ordinanza di demolizione e ripristino delle opere abusive. Ma nel mentre, che fare? La CSS lancia una proposta intelligente ed equilibrata: l’istituzione dei pass per l’accesso libero al parcheggio, dando la precedenza a tutti quei soggetti che utilizzano i servizi dell’Ospedale Brotzu, la cui immagine di eccellenza rischia di essere offuscata e offesa da interessi estranei ad una Azienda Ospedaliera preziosa ed insostituibile per l’utenza sarda.

Pubblicato su SARDEGNA Quotidiano del 6-6-2012

 

 

 

 

 

 

La proposta della Confederazione sindacale sarda (CSS)ultima modifica: 2012-06-06T10:12:52+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento