I 96 anni di Lilliu

La preziosa lezione sarda di Lilliu

di Francesco Casula*

sudIl 14 marzo scorso Giovanni Lilliu ha compiuto 96 anni. Una bella età ma tutti i sardi, ne son certo, gli augurano a chent’annos e prus puru. Per continuare la sua battaglia per la difesa e valorizzazione dell’identità etno-linguistica ed etno-culturale della Sardegna. Una battaglia di lunga data: fin da quando nel 1948 in un articolo suggeriva ai Costituenti sardi di rivendicare per l’Isola competenze primarie ed esclusive almeno per quanto riguardava i “Beni culturali”, dopo gli avvertimenti di Lussu sulla necessità di sancire l’obbligo dell’insegnamento della Lingua sarda nelle scuole in quanto “patrimonio millenario” che occorreva conservare, difendere e valorizzare. La risposta sarà negativa: su tutti i fronti. Lo Statuto sardo nascerà sul crinale esclusivamente “economicistico”. E forse, non sarà un caso che esso brancolerà come un cieco, nel mondo sardo tutto segnato da specificità etnonazionali.. Questa sciagurata scelta Lilliu l’ha ricordata il 21 gennaio 1998 nella relazione, in perfetto sardo-campidanese, con cui introdusse a Bauladu “Il Congresso del popolo sardo”. Ecco cosa scriveva:“Is consultoris sardus hiant stimau chi s’istruzioni e sa cultura, in cussu momentu de recuberamentu materiali de sa Regioni fessint de interessu segundariu e hiant lassau a su Stadu de nci pessai issu esclusivamenti. E poita is Consultoris no hiant bofiu sa cumpetenzia primaria in sa istruzioni, eus a nai sa scola e sa cultura sarda, no figurant in sa lei de su 23 de friaxiu n.3. Aici est nasciu unu statutu sardu zoppu, fundau sceti apitzus de s’economia reali in sa cali, po s’effettu de operai in sa politica de su renascimentu, s’est scaresciu propriu de is valoris idealis e de is concettus po ponniri in movimentu su renascimentu, eus a nai cussu chi est sa basi de sa venganza autonomistica. Valoris is calis, in prus, donant arrexonis e fundamentus perennis a sa spezialidadi de sa Regioni sarda, ch’est verdaderamenti una Regioni-Natzioni: una terra chi tenit fronteras prezisas, unu paisu fisicu e morali chi non assimbilat a aterus, unu populu cun sinnus proprius de etnia, storia, limba, cultura, maneras de si cumportai, de gestus, de pensai is calis calant a fundu in sa vida de dognia dì e balint e operant a totus is livellus de sa sociedadi. Sa repulsa de sa cultura est stetiu su peccau mannu de is consultoris sardus in su ’45”.

*storico
(Pubblicato su Il Sardegna del 23-3-10)

I 96 anni di Lilliuultima modifica: 2010-03-27T17:01:18+01:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento