La Sardizzazione da completare

img101.pdf

Su comitadu pro sa limba incalza la Giunta

La sardizzazione da completare

di Francesco Casula*

Su comitadu pro sa limba, sul fronte del bilinguismo incalza la Giunta e il Consiglio regionale. Riunitosi a Sassari martedì scorso, ha stilato un vero e proprio decalogo che sottoporrà all’attenzione della Giunta e del Consiglio regionale, perché intervengano con atti legislativi finalizzati a rendere coufficiale la lingua sarda con la lingua italiana, in ogni ambito della vita civile dell’Isola e, in modo particolare, a inserire il Sardo come materia curriculare, nelle scuole di ogni ordine e grado. Su comitadu, in dieci stringati punti, scritti rigorosamente in sardo, individua con nettezza le linee per una politica linguistica che renda possibile l’utilizzo del Sardo nella vita di ogni giorno. Per intanto il Sardo occorre studiarlo e conoscerlo: a tal fine particolarmente importante è il punto 8 che testualmente recita: Su sardu siat, in iscola, in totu sas modalidades educativas, una de sas matèrias de su currìculum, limba veiculare e de aprendimentu de sas matèrias e limba de sos materiales in pabiru e telemàticos. Dischentes e mastros, in sas mèdias e in s’universidade, potzant seberare sa limba chi cherent. Ovvero che non solo a scuola si insegni il Sardo ma si insegni in Sardo: come del resto prevede la legge statale 482 del 1999. Anche perché –è il linguista Renzo Titone a sostenerlo-“l’insegnamento della lingua come materia a sé, non produce effetti significativi, se la lingua non è usata come strumento di insegnamento di altre materie e come mezzo per l’espletamento delle attività ordinarie, ossia come mezzo di comunicazione nelle situazioni di vita”. Per il Comitato ugualmente importante è la possibilità di avere in Limba strumenti di informazione, a tal fine il punto 9 afferma: in sos mèdios de informatzione, sa Regione garantat sa nàschida su nessi de un’emitente pùblica ràdiutelevisiva, de unu cuotidianu generalista in pabiru e in forma telemàtica, non cumertziales, in limba sarda, e chi promovat s’informatzione in sardu fata dae mèdios privados. Bilingue dovrà inoltre essere tutta la toponomastica e la segnaletica. Per favorire la “sardizzazione” della comunicazione, nell’ultimo punto, il 10° è  richiesta :sa presèntzia de servìtzios linguìsticos cun operadores ispetzializados, in provìntzias, entes territoriales, comunas, e tzircoscritziones. Ora tocca alla Giunta e all’intero Consiglio regionale. Amus a biere!

*storico

(Articolo pubblicato su Il Sardegna del 17-11-09)

 

img100.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

La Sardizzazione da completareultima modifica: 2009-11-17T08:28:00+01:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento