Lettera aperta al Sindaco di Quartu Sant’Elena Mauro Contini

 

Egregio signor sindaco

Abbiamo appreso dall’Unione sarda che la Provincia ha ceduto al Comune di Quartu, in comodato d’uso gratuito per 30 anni, la casa cantoniera di Flumini. Che, ristrutturata – come Lei stesso ha dichiarato – svolgerà un ruolo basilare per realizzare i servizi che gli abitanti di Flumini chiedono. Non possiamo che salutare con piacere e soddisfazione la concessione e, sperando che non passino tempi biblici, la ristrutturazione della cantoniera. Lei sa bene quanto ci sia bisogno a Flumini di locali pubblici: non solo per riaprire i vecchi uffici della circoscrizione (anagrafe, stato civile ecc.); ma per metterli a disposizione di quanti – ad iniziare dalle Associazioni e gruppi di volontariato – vogliano svolgere attività culturali, artistiche, musicali, per la crescita civile della comunità fluminese. Ci rivolgiamo a Lei proprio come Associazione culturale ITA MI CONTAS per ricordarLe che in un Incontro tenutosi al Municipio qualche mese fa, ci aveva assicurato la possibilità di poter utilizzare nella Cantoniera ristrutturata un locale per le nostre iniziative. Le saremo grati se confermasse tale assicurazione e impegno:il locale di cui nei due anni di attività la nostra Associazione ha fruito ( la Biblioteca circoscrizionale di Via Mar Ligure,3) si rivela infatti viepiù insufficiente e angusto. Per questo abbiamo bisogno di spazi più ampi. Siamo infatti decisi a continuare nelle nostre iniziative settimanali (che riprenderemo fin dagli inizi di settembre) e che saranno incentrate nella presentazione di libri; in conferenze sulla cultura, la storia e la lingua sarda da parte di studiosi ed esperti; in manifestazioni artistiche e musicali; in Caffè letterari: il tutto con particolare riferimento a Quartu e al suo territorio. La ringraziamo anticipatamente

Francesco Casula

Presidente dell’Associazione ITA MI CONTAS

Lettera aperta al Sindaco di Quartu Sant’Elena Mauro Continiultima modifica: 2013-09-11T22:18:00+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento