Billia

billia.jpgScomparso il poeta di Sindia

Righe per omaggiare Billia Piu

di Francesco Casula

Il 16 Aprile scorso, carico di anni e di prole, -di cui andava orgoglioso- è scomparso Giovanni Maria (a tutti noto Billia) Piu. Uomo d’altri tempi, con forti simpatie per il ventennio, dai tratti autoritari e persino burberi, era però dotato di una profonda umanità. Lo piangono i sindiesi e coloro che lo hanno conosciuto, come uomo e come poeta improvvisatore. Fin da giovane coltiva la poesia sarda e ha modo di conoscere i maggiori poeti sardi improvvisatori. Si vantava con orgoglio di essere amico personale di Remundu Piras, il nostro più grande poeta improvvisatore. Nonostante abbia poetato da sempre, solo recentemente, nel 2007, si era deciso a mettere per iscritto e a pubblicare alcune sue poesie con il volume “Modas a su tempus antigu e a su tempus de oe”. In esse affronta una pluralità di tematiche spaziando dalla Scienza alla Religione; dai problemi internazionali (la guerra in Irak) alla Politica interna con critiche pungenti al governo italiano. Particolarmente toccante è la “Moda” dedicata al suo paese natale “Po sa idda de Sindia”: “Onorende sa idda de Sindia/ Naschidu e bi vivo tota vida/ E de sos fizos tuos digna mama/ Custa lode azzeta de parte mia”. Ancor più sentita è la poesia dedicata a Remundu Piras: “Onorende a Remundu su menzus poeta sardu” di cui celebra entusiasticamente le doti poetiche. Ecco l’introduzione (S’isterrida) e la parte finale (Sa serrada).  ISTERRIDA: Po no ismentigare a Remundu/ De sos poetas su pius distintu/ Fit su menzus improvvisadore/ Sempre primu, mai segundu/Ogni sardu de custu est cunvintu/Totus de bonu coro dan amore/Poeta interessante de valore/Ti dan s’etichetta de sardu Dante/Poeta de valore interessante/Ti dan de sardu Dante s’etichetta/Interessante de valore poeta/Totus a Dante l’an assimizzadu/ In gara sempre issu at balanzadu/Po cussu a Dante l’an paragonadu/No nd’amos tentu a issu uguale/Pagos assimizzadu l’ana appena/Coronadu de gloria terrena. SERRADA: ”Ti coronana sos sardos cun istima/Ti onorana de rispettu e riguardos/Cun istima ti coronana sos sardos/Sos sardos cun istima ti coronana/De rispettu e riguardu ti onorana/Custu tributu de fama e merittu/Riconnottu t’ana custu dirittu/Fama onore e tantu rispettu/Che cando fias biu cun affettu/Ne miminadu né aggiuntu valore/Soe cuntentu si no appo fattu errore/T’amos iscrittu in s’album de oro/Osannadu dae totus a bonu coro.

*storico

(Pubblicato su Il Sardegna del 21-4-09)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Billiaultima modifica: 2009-04-27T07:35:00+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento