La Nuova Sardegna sulle Cortes Apertas di Olzai (3-5 Dicembre)

 

 

 

 

 

Da la Nuova Sardegna — 01 dicembre 2010   pagina 09   sezione: NUORO

 

Arte e tradizione in mostra

  OLZAI. Le “cortes” aprono a Olzai venerdì sera alle 16 in piazza Su Nodu Mannu, che rimarrà, per tre giorni, il punto di accoglienza e delle informazioni. Proprio quella piazza, situata ai margini dell’arginamento, che ospita il rio Bisine e che attraversa tutto il paese, diventerà la location dalla quale, dopo l’offerta del bicchiere di vino del “benvenuto”, si potrà accedere al centro storico e ai diversi percorsi dell’Autunno in Barbagia. Un autunno che in questi giorni resiste forse soltanto a Olzai, dove negli ultimi trent’anni è nevicato solo due volte.  L’appuntamento “autunnale” di Olzai è uno degli ultimi fra le circa 30 manifestazioni promosse dalla Camera di Commercio di Nuoro incentrate sul turismo e sullo sviluppo del mercato dei prodotti locali. Le prime edizioni dell’evento, a Olzai, erano incentrate nell’idea di “camminare tra le case di pietra del centro storico, assistere alle lavorazioni artigianali e dei prodotti alimentari e degustare quelli tipici locali offerti nelle cortes dagli stessi produttori”. Oltre a tutto ciò quest’anno si apriranno anche percorsi naturalistici, storici e soprattutto dell’arte. Il tutto attorno a quell’arginamento dove in questi giorni il rio Bisine fa sentire con alte tonalità il suo canto. Dalle piazzette dell’arginamento si partirà alle 10,30 di sabato verso la Casa Museo Carmelo Floris per inaugurare la mostra di opere inedite dell’artista, di cui quest’anno si celebra il 56º anniversario della morte (1960-2010). E questa visita rappresenterà sicuramente il richiamo principale dei turisti e dei visitatori dato che potranno ammirare più di trenta quadri del pittore, mai visti, perchè prestati, per l’occasione, da collezionisti privati.

La sera, alle 17, nella sala consiliare, si terrà la presentazione della monografia in lingua sarda “Gratzia Dore”, di Francesco Casula, con la partecipazione dell’autore. L’iniziativa è stata promossa e coordinata dagli studenti olzaesi del Liceo Scientifico di Nuoro. Nella stessa giornata del sabato, dalle ore 10, alle 17, nel centro storico si terrà la singolare “Rassegna degli intagliatori delle maschere tradizionali” con la partecipazione degli artigiani dell’intaglio di Olzai, Laconi, Mamoiada, Orani, Ottana e Fornesighe (Belluno), che eseguiranno in diretta i lavori artigianali. La domenica a partire dalle 10 i percorsi della sagra all’interno del centro storico e lungo l’itinerario delle Cortes, saranno animati con balli e canti tradizionali. Ma l’offerta dei luoghi da visitare, oltre alle cortes e alla Casa Museo e Pinacoteca Carmelo Floris, sono particolarmente consigliati, anche le chiese di Santa Barbara, di Sant’Anastasio e la chiesa parrocchiale di San Giovanni. Affascinante sarà la visita guidata all’antico mulino ad acqua nel rio Bisine, a monte dell’abitato. Da non perdere, infine, la mostra “Omaggio a Olzai”, dei dipinti a olio di Enrico Piras, e la mostra fotografica storica “La famiglia Cardia Mesina”, nelle sale affrescate dall’omonima casa nobiliare. Gli spostamenti da un luogo all’altro sarà facilitato dal trenino che percorrerà il centro storico e i luoghi da visitare per tutta la durata della manifestazione.

 

La Nuova Sardegna sulle Cortes Apertas di Olzai (3-5 Dicembre)ultima modifica: 2010-12-02T10:29:49+01:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento