Limba sarda

 

    

     Sulla polemica di utilizzare, a livello ufficiale, la lingua sarda.

     Faeddare sardu est unu deretu

           di Francesco Casula

            Sa cuntierra nàschida a pustis s’atobiu cun Niffoi a Sinnia, pertocat chistiones de importu mannu, chi non podimus frundire tropu in presse in su zostre de s’irmentigu. Mescamente una: s’impreu de sa limba sarda. Bi sunt galu medas ballallois –puru zente istudiada e finas ceddas intreas de intelletuales, subratotu de manca- chi pessant chi su sardu serbat solu in su foghile, pro allegare cun carchi tziu betzu o pro cantare carchi batorina in sas festas paesanas o, peus, pro narrer carchi brulla e carchi irrocu. Ma arguai a la faeddare in publicu e in sas occasiones ufitziales! Si podet peri imparare in sas iscolas elementares e medias, ma –at iscritu un professore tataresu- “la lezione universitaria in sardo la trovo controproducente e ridicola. Oggi non avrebbe alcun senso utilizzare il sardo come linguaggio scientifico giacchè esso è una lingua di fatto rurale…” Pro meda tempus custa tropera de intelletuales istatalistas teniat sa bibirrina de “s’unidade nazionale” chi sa limba ufitzializada podiat amenetzare e irfachere e oe bogat imbetzes a pillu dudas e arrenghescios, artziende ballas de pruere pro coglionare sa zente cun s’istoria de su sardu limba “rurale” e duncas pobera e non capassa de chistionare de “cultura scientifica” e de modernidade. Si ch’irmentigant custos intelletuales su chi at naradu Leibnitz: non b’est limba pobera chi non siat capassa de allegare de totu. O su chi at iscritu, s’istudiosu prus mannu de bilinguismu a base etnica, J. F. Fishman:”Ogni e qualunque lingua è pienamente adeguata ad esprimere le attività e gli interessi che i suoi parlanti affrontano. Quando questi cambiano, cambia e cresce anche la lingua. In un periodo relativamente breve, qualsiasi lingua precedentemente usata solo a fini familiari, può essere fornita di ciò che le manca per l’uso nella tecnologia, nell’Amministrazione pubblica, nell’Istruzione”. Pro concruire. Su pessu meu a subra de sa cuntierra, est chi Mariu Spina teniat totu su deretu de faeddare in sardu a s’atobiu cun Niffoi. Bi fiat carchi istrangiu chi non cumprendiat? Bi sunt sos tradutores!

(Pubblicato su L’Unione sarda del 26-6-2009)

 

Limba sardaultima modifica: 2009-06-26T12:32:29+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento