Sardo a scuola

1862629962.jpg

Il Sardo a scuola chiesto in ottave.

di Francesco Casula*

Sabato scorso scrivevo della discussione in atto nell’8° Commissione consiliare regionale di tre proposte di legge riguardanti l’istruzione e la formazione professionale, rispettivamente del PDS’AZ, di Forza Italia e della Giunta. Sabato stesso ricevo 5 ottave dal Professor Michele Podda, già sindaco di Ollolai negli anni ’80, ed oggi fortemente impegnato sul fronte del Bilinguismo dopo ben quarant’anni di insegnamento, prima nelle scuole elementari e poi nelle superiori.

9065146.jpg
Tra il serio e il faceto il Prof. Podda afferma di essere disposto a rinunciare all’aragosta e mangiar solo pane e formaggio, di lavorare senza posa e persino di baciare Soru e Atzeri –pur “belle feos”- a patto che “ponzan sa limba sarda intro ‘e s’iscola”. Se si metteranno d’accordo, predisponendo una proposta unitaria che preveda l’insegnamento del Sardo a scuola, il professore di Ollolai, è disposto a invitare a pranzo l’intera Commissione. Per mangiar arrosto di carne, anche a costo di rubarla. Ma ecco le ottave: 1.So dispostu a papare pane e casu/ aligusta lassande e milindreos/ perdende parte de sos dinares meos/ e triballande gratis chene pasu;/ m’aconco puru a lis dare unu basu/ a Soru e Atzeri, belle chi sun feos;/ bastas chi fatzan una cosa sola:/ ponzan sa limba sarda intro ‘e s’iscola/ 2.Amentade bintunu de frearju/ una die de su duamiza e ses,/ intro ‘e sas propostas, chi sun tres/ sa prima, fat’a punta de atzarju,/ Atzeri ponet in su lemenarju/ de sa Regione sarda, si mi cres;/ La Spisa in martzu sighit cussa ia/ in maju che ponet fatu Pilia./ 3. Po menzus narrer est solu sa prima/ sa chi dat a securu bonu isperu/ càtedras e programas sun abberu/ postos in craru a lis dare frima/ e, sa cosa chi prus li tenzo istima,/ ch’intro un’annu tenzat cussideru./ Sa prima est sa chi cherjo ch’apròvene,/ Pilia e La Spisa la mezòrene/. 4.Sas propostas las ana presentadas/ totas tres a s’Otava Cumissione,/ como la faghen sa discussione/ po las ponner in una collocadas,/ pustis sortidas e bene sestadas/ nde faghen una impare a cumone;/ como est inoghe, Pepinu Balia,/ chi lu ‘idimus si nd’as balentia./ 5.Si cussu faghen, mì sa rughe, zuro/ chi a sa Cumissione totu intrea/ petza a arrostu cogo a manu mea/ chi si non nd’apo ando e bi la furo;/ però si no l’aprovan, torra zuro,/ solos los casso e lis ponzo tropea,/ chi la oghen cun una crae sola/ ponende su sardu intro s’iscola.

*storico

(Pubblicato su Il Sardegna il 2-8.8)

Sardo a scuolaultima modifica: 2008-09-11T08:00:00+02:00da zicu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento